Il progetto di parco nazionale del Locarnese (PNL)

Diaporama e breve resoconto

Una dozzina di persone, tra cui diversi specialisti di botanica e scienze forestali, ha partecipato alla splendida attraversata che dall’alpe di Salei conduce a Comologno, guidata con competenza da Giovanni Kappenberger. Il tempo splendido ha permesso di apprezzare questa parte del parco nazionale del Locarnese.

Sui monti di Ligünc sopra a Comologno attendeva Vasco Gamboni, uno dei migliori conoscitori della valle Onsernone, molto implicato nello sviluppo del progetto del parco nazionale. Gamboni ci ha raccontato tra l’altro degli sforzi per mantenere aperti i prati con sfalci regolari. Poi scesi a Comologno, Gamboni ci ha mostrato alcuni edifici costruiti da emigranti che si erano arricchiti, tra cui spicca il palazzo Barca, luogo di rifugio per artisti e noti antifascisti (quali Ignazio Silone, Ernesto Rossi, Kurt Tucholsky, Hans Marchwitza, Ernesto Bonaiuti, Max Terpis, Elias Canetti, Wladimir Vogel, Jean-Paul Samson). Infine ci sono stati offerti un rinfresco e un omaggio molto apprezzato dal parco nazionale del Locarnese.

Programma dell’escursione

In caso di cattivo tempo rinvio a domenica 7 giugno 2015.

Escursione di una giornata nella zona Progetto Parco Nazionale del Locarnese con lo scopo di conoscere meglio la regione e il progetto stesso. In particolare, saranno illustrate le caratteristiche del bosco, degli ambienti incontrati, dell’affascinante Laghetto di Salei e del clima della zona. È prevista una breve visita di Comologno, eventualmente dei Bagni di Craveggia.

Ritrovo a Loco, trasferta in taxi alpino a Vergeletto, salita in funivia a Salei, quindi passeggiata verso il Laghetto e possibilità di una breve fermata nella Capanna Salei. Per i più “attivi” possibilità di salire al Pizzo Zucchero o al Pizzo Pilone (Cima del Pian del Bozzo) a seconda delle condizioni meteo. In seguito, discesa su di un sentiero, solo a tratti ripido, passando da Ligünsc a Comologno.

Gita guidata da G. Kappenberger.

 

Iscrizione entro il 29 maggio, scrivendo a: francesca@palli.ch