Bollettino 102 – 2014

Bollettino 102

Foto in copertina: Profilo geologico ripreso dal Mittaghorn sopra Hinterrhein (GR). Il disegno di Augusto Gansser, datato 8 settembre 1931, ritrae l’Einshorn (2944 m), il punto 2862 e il punto 2820. L’illustrazione fa parte dei lavori di rilievo sul terreno per la tesi di dottorato, pubblicata nel 1937 (foto di Michele Bagnoli).

Disponibile in pdf

Parte I – Attività della Società

  • C. Bernasconi: Rapporto di attività 2013
  • S. Casati: 158a. Assemblea ordinaria STSN 2013

Parte II – Comunicazioni scientifiche

Parte III – Notizie

  • M. Gaia, F. Spinedi, E. Altoni: Bilancio meteorologico dell’anno 2013
  • G. Maspoli, D. Scheggia, M. Boggia, G. Dotti, J. Rollini: Elenco non esaustivo di casi gamia spontanea di alcune specie coltivate nel Parco botanico del Cantone Ticino, Isole di Brissago
  • P. Dioli: Brachyarthrum limitatum Fieber (Hemiptera: Heteroptera: Miridae) new to Southern Europe

Parte IV – Contributi speciali

  • F. Bianconi & M. Antognini: In ricordo di Augusto Gansser (1910 – 2012)
  • M. Antognini: Inventario mineralogico del Cantone Ticino
  • R. Peduzzi & F. Bianconi: Gozzi e cretinismo nelle valli alpine con particolare riguardo al Canton Ticino

La flora esotica del Cantone Ticino (Svizzera)

Nicola Schoenenberger (1), Jürg Röthlisberger (2) e Gabriele Carraro (3)

  1. Museo cantonale di storia naturale, viale C. Cattaneo 4, CH-6900 Lugano
  2. Röhrliberg 52, CH-6330 Cham
  3. Dionea SA, Lungolago Motta 8, CH-6600 Locarno

Riassunto: Si presenta un inventario più completo possibile della flora esotica e del suo grado di naturalizzazione per l’area del Cantone Ticino (Svizzera) e territori limitrofi. L’inventario si basa sulle osservazioni personali degli autori e dei loro corrispondenti negli ultimi decenni, sulle flore svizzere più recenti e sulle segnalazioni della banca dati del Centro nazionale di dati e informazioni sulla flora svizzera (Info Flora). Complessivamente sono elencati 545 taxa, per 467 dei quali la presenza ticinese è accertata. In Ticino le esotiche appartengono a 95 famiglie e 298 generi; 188 taxa sono naturalizzati, 92 invasivi ossia capaci di diffondersi rapidamente nelle nuove regioni, 17 arrecano danni alla diversità biologica, all’economia o alla salute mentre per altri 12 taxa la valutazione della dannosità necessita ancora di ulteriori approfondimenti. L’Eurasia, le Americhe e l’area mediterranea rappresentano i principali luoghi d’origine dei taxa recensiti. L’inventario costituisce un’istantanea della ricchezza e diversità della flora esotica del Ticino nel 2014. Potrà servire per confronti futuri, essere utilizzato dai botanici quando incontrano specie sul terreno non ancora recepite nelle flore di riferimento e per l’ulteriore precisazione delle specie che meritano di essere osservate meglio in considerazione del loro ruolo negli ecosistemi e della potenziale dannosità.

Parole chiave: specie avventizie, specie invasive, naturalizzazione, neofite, check-list

Alien flora of the Canton Ticino (Switzerland)

Abstract: We present a comprehensive inventory of the exotic flora of the Canton Ticino (Switzerland) and neighbouring areas, including it’s degree of naturalisation. The inventory is based on personal observations in the field in the last decades by the authors and by their correspondents, on the more recent Swiss floras and on the reports gathered in the database of the National centre for information and data of the Swiss flora (Info Flora). A total of 545 taxa are listed here, including 467 for which the presence in the Ticinese area is ensured. The alien flora of Ticino belongs to 95 families and 298 genera. In Ticino 188 alien taxa are naturalised, 92 are invasive, i.e. able to spread rapidly in a new region, and 17 cause damage to biodiversity, economy or health. The potential harmfulness of other 12 taxa needs to be further investigated. Eurasia, N- and S-America and the Mediterranean, are the most important areas of origin of the taxa of the inventory. This contribution represents a snapshot of the exotic species richness and diversity in Ticino in 2014. It may be useful for future comparisons and may serve field botanists when they encounter plant species that are not yet mentioned in reference floras. It may also be useful to define species that deserve further observation, in respect of their function in the ecosystems and their potential hazardousness.

Keywords: adventive species, invasive species, naturalisation, neophytes, synanthropic species, check-list


Monitoraggi floristici alle Bolle di Magadino.
Tendenze evolutive delle associazioni palustri

Nicola Patocchi (1), Giuliano Greco (2), Martin Meyer-Grass (3)

  1. Fondazione Bolle di Magadino, CH-6573 Magadino
  2. Oikos 2000 Sagl, CH-6513 Monte Carasso
  3. CH-7552 Klosters-Dorf

Riassunto: Nella riserva naturale delle Bolle di Magadino la vegetazione viene periodicamente controllata e rilevata dal 1978 in una trentina di quadrati permanenti. Nel 2012 i rilievi sono stati ripetuti per la sesta volta rispettivamente per la settima/ottava in alcuni quadrati. Sulla base dei risultati finora ottenuti la tendenza evolutiva delle associazioni vegetali è stata studiata con il confronto temporale delle serie di rilievi e l’analisi della stabilità e della dinamica interna alle associazioni stesse. La quota delle varie stazioni permette di evidenziare delle fasce altitudinali in cui le trasformazioni sono maggiori. Si osserva una generale convergenza verso stadi nettamente più palustri e la perdita di identità delle associazioni meno igrofile rilevate negli anni 1978-1985. Tale tendenza sembra essere indipendente dalla gestione applicata. Queste trasformazioni non sono inoltre causate dall’invasione di specie neofite assenti nei primi anni di rilievo (queste specie per ora causano problemi solo puntuali). Più stabili appaiono le paludi aperte su substrati ciottolosi acidi, anche se si denota pure una perdita di specie differenziali. Le formazioni boscate restano tendenzialmente stabili, ma si segnala la presenza potenzialmente problematica di neofite invasive. Il legame evidenziato con le quote per le stazioni più dinamiche, sembra suggerire l’ipotesi di un certo ruolo dei livelli medi del lago nel periodo vegetazionale.

Parole chiave: associazioni e comunità vegetali, tendenze successionali, quadrati permanenti, paludi, riserva naturale, monitoraggio a lungo termine

Floristic monitoring at the Bolle di Magadino. Evolutive trend of the marshland communities

Abstract: In the Bolle di Magadino nature reserve, the vegetation is regularly surveyed on thirty permanent sampling plots since 1978. In 2012, the survey was repeated for the sixth time and for the seventh/eighth on some plots, respectively. Using the results obtained so far, the evolutionary trend of plant associations was derived by comparison to earlier series of surveys and analyses. The difference in elevation between specific sampling plots helped to identify the altitudinal intervals where transformations are greatest. A general trend towards distinctly marshier stages and loss of group identity of less hydrophilic associations between 1978-1985 can be observed. This trend seems to be independent of the management applied. However, these transformations are not caused by invasive neophytes, which were absent in the early years of the monitoring (currently, these species cause problems only locally). Open marshes characterized by acidic-pebbly substrates appear to be more stable, even though they show a loss of differential species. Woody formations tend to remain stable but are locally invaded by neophytes. The apparent correlation between sampling plot elevation and site dynamics seems to suggest that average lake levels play a certain role during vegetation.

Keywords: plant associations and communities, successional trends, permanent square sampling plots, wetlands, nature reserve, long term survey

 


Ant-Plant Interactions between Native Ants and Non-Native Plants with Extrafloral Nectaries: New Insights from the Brissago Islands (Canton Ticino, Switzerland)

Brigitte Marazzi (1), Anya Rossi-Pedruzzi (2), Isabella Giacalone-Forini (3), Guido Maspoli (4)

  1. Instituto de Botánica del Nordeste – IBONE – (UNNE-CONICET), Facultad de Ciencias Agrarias, Sgto. Cabral 2131, 3400 Corrientes, Argentina
  2. Via Dr. Falleroni 13, CH-6512 Giubiasco
  3. Er Strada del Tasign 51c, CH-6513 Monte Carasso
  4. Parco Botanico del Canton Ticino, Isole di Brissago, CH-6614 Brissago, Switzerland

Abstract: Many plants bear extrafloral nectaries (EFNs) that produce a sweet secretion attracting ants (and other arthropods), which in return often protect plants from herbivory. These interactions are common in the tropics and subtropics but rarer or absent in temperate regions. Yet, several plants with EFNs are cultivated in temperate regions, but it is unknown if their EFNs are functional, and if ants visit them. Therefore, we surveyed EFNs and visitors in 16 non-native plant species cultivated at the botanical garden of the Brissago Islands in the Southern Alps. EFNs appeared non-functional in Bauhinia yunnanensis and Bignonia capreolata, whereas nectar was visible in nine species (Erythrina crista-galli, Gossypium hirsutum, Kennedia rubicunda, Passiflora caerulea, P. racemosa, Senna hebecarpa, S. mexicana, Tecoma stans, Thunbergia grandiflora) and cryptic in the remainder (Bauhinia corniculata, Clerodendrum bungei, Cylindropuntia imbricata, Opuntia engelmannii, Vanda coerulea). Five ants (Formica fusca, Lasius emarginatus – the most common, Myrmica rubra, Tetramorium sp., Temnothorax unifasciatus) and two wasps (Sceliphron destillatorium, Vespula vulgaris) visited EFNs. Tetramorium appeared as the most abundant and resource dominant of the three ant species found on Senna mexicana. EFNs of non-native plants cultivated outdoors in temperate regions could represent an important additional food resource for ants and other arthropods, thus, shaping their community nutritional ecology.

Key words: Ant-plant mutualism, exotics, invasive plants, plant defense, San Pancrazio

Interazioni tra formiche indigene e piante esotiche attraverso nettari extraflorali: novità dalle Isole di Brissago (Cantone Ticino, Svizzera)

Riassunto: Molte piante posseggono i nettari extraflorali (NEFs) che producono una secrezione dolce che attrae le formiche (e altri artropodi) i quali spesso ricambiano la pianta proteggendola da insetti erbivori. Queste interazioni sono frequenti nei tropici e nei subtropici ma più rare o assenti nelle regioni temperate. Nonostante ciò, diverse piante con NEFs sono coltivate in zone temperate, ma non si sa se i loro NEFs sono funzionali e visitati dalle formiche. In questo lavoro, abbiamo quindi studiato i NEFs e gli invertebrati che le visitano in 16 specie esotiche coltivate nel Parco Botanico delle Isole di Brissago al Sud delle Alpi della Svizzera. Il nettare extraflorale è stato osservato in nove specie (Erythrina crista-galli, Gossypium hirsutum, Kennedia rubicunda, Passiflora caerulea, P. racemosa, Senna hebecarpa, S. mexicana, Tecoma stans, Thunbergia grandiflora), era criptico in cinque (Bauhinia corniculata, Clerodendrum bungei, Cylindropuntia imbricata, Opuntia engelmannii, Vanda coerulea), mentre in due specie (Bauhinia yunnanensis and Bignonia capreolata) i NEFs sono risultati non funzionali. Cinque specie di formiche (Formica fusca, Lasius emarginatus – la più comune, Myrmica rubra, Tetramorium sp., Temnothorax unifasciatus) e due vespe (Sceliphron destillatorium, Vespula vulgaris) hanno visitato i NEFs. Delle tre specie di formiche trovate su Senna mexicana, Tetramorium sp. sembra essere la più abbondante e quella che domina maggiormente le risorse alimentari. I NEFs di piante esotiche coltivate all’aperto in regioni temperate potrebbero rappresentare una risorsa alimentare importante per formiche e per altri artropodi, ciò che potrebbe influenzare l’ecologia nutrizionale delle loro comunità.

Parole chiave: Mutualistmo formiche-piante, piante invasive, difesa delle piante, San Pancrazio


Il permafrost nelle Alpi Ticinesi
(2011/2012 e 2012/2013)

Rapporto No. 2 del Gruppo Permafrost Ticino

Cristian Scapozza (1), Stefano Mari (2), Marco Antognini (3),
Vittorio Lepori1 e Christian Ambrosi1

  1. Istituto scienze della Terra (IST), SUPSI, Campus Trevano, CH-6952 Canobbio
  2. Département des Géosciences – Géographie, Université de Fribourg, Chemin du Musée 4, CH-1700 Fribourg
  3. Museo cantonale di storia naturale, Viale Carlo Cattaneo 4, CP 5487, CH-6901 Lugano

Riassunto: I ghiacciai rocciosi sono degli importanti indicatori dell’influsso dei cambiamenti climatici sugli ambienti di alta montagna. Negli ultimi decenni è quindi iniziato un monitoraggio sistematico della temperatura e della cinematica di ghiacciai rocciosi attivi nell’intero arco alpino. Dal 2006, sono studiati anche ghiacciai rocciosi delle Alpi ticinesi per fornire dei dati sull’evoluzione del permafrost nel contesto morfoclimatico sudalpino. Sette ghiacciai rocciosi sono oggetto del monitoraggio della temperatura della superficie del suolo (GST) grazie a dei sensori autonomi di temperatura e della misura dei movimenti superficiali annuali o pluriennali mediante GPS differenziale. Per il periodo di studio, si assiste a un aumento di GST a seguito dell’estate e autunno 2011 molto caldi. Questo riscaldamento è probabilmente all’origine di un’accelerazione delle velocità orizzontali dei ghiacciai rocciosi. Il raffreddamento di GST durante l’inverno e la primavera 2012/2013 è seguito da una lieve diminuzione della velocità orizzontale di superficie dei ghiacciai rocciosi nell’estate seguente. Questo comportamento è simile a quanto avvenuto nel resto delle Alpi svizzere nello stesso periodo, indipendentemente dal contesto morfoclimatico. Il legame significativo tra le variazioni di temperatura e il comportamento dei ghiacciai rocciosi indicherebbe quindi che la loro cinematica è influenzata in primo luogo dalle variazioni climatiche di primo ordine alla scala sovraregionale o continentale.

Parole chiave: ghiacciaio roccioso, cinematica, GSTM, DGPS, Alpi svizzere

Permafrost in the Ticino Alps (2011/2012 and 2012/2013). Report No. 2 of the Gruppo Permafrost Ticino

Abstract: Rockglaciers are important indicators of the climate change influence on high mountain environments. In recent decades, a systematic thermal and kinematics monitoring of active rockglaciers has started throughout the Alps. Since 2006, rockglaciers of the Ticino Alps are also studied to provide data on the permafrost evolution in the Southern alpine morphoclimatic context. Seven rockglaciers are subjected to ground surface temperature (GST) monitoring thanks to autonomous mini-loggers and to annual or pluriannual measurement of the surface displacements by differential GPS. For the reporting period, an increase in GST is observed as a result of the warm summer and autumn 2011. This warming is probably at the origin of an acceleration in horizontal surface velocities of the rockglaciers. The cooling of GST during the winter and spring 2012/2013 is followed by a slight decrease of horizontal surface velocities of the rockglaciers in the following summer. This behavior is similar to what happened in other regions of the Swiss Alps in the same reporting period, independently of the morphoclimatic context. The significant link between changes in temperature and the rockglacier behavior may indicate that their kinematics is probably influenced principally by the first order climatic variation at the superregional or continental scale.

Keywords: rockglacier, kinematics, GSTM, DGPS, Swiss Alps


La rappresentazione degli scienziati da parte dei bambini:
uno strumento utile alla comunicazione della scienza

Michela Luraschi, Lisa Giupponi e Giovanni Pellegri
L’ideatorio – Università della Svizzera italiana, via Lambertenghi 10a, CH-6904 Lugano

Riassunto: Lo scienziato è un personaggio strano, solitamente un uomo adulto, calvo o con i capelli scapigliati, indossa un camice e degli occhiali per proteggersi dalle sostanze pericolose che maneggia rinchiuso nel suo laboratorio segreto. Lo scienziato è spesso un chimico bizzarro che lavora con provette, beute e matracci ma anche con pozioni magiche, erbe e pentoloni.  L’immaginario dei bambini, identificato in questo studio attraverso un’indagine di tipo osservativo, rivela tendenze e stereotipi che si ripercuotono nell’approccio alla scienza da parte dei bambini e più in generale, della società tutta. I risultati di quest’analisi mostrano come nonostante le numerose proposte di incontro con la scienza presenti nella nostra società, poco o nulla è cambiato nell’immaginario dei bambini. Emerge anche un chiaro bisogno che deve essere preso in considerazione dalla comunicazione della scienza, ma anche dall’insegnamento delle discipline scientifiche: la promozione di una scienza “umanizzata e deframmentata”, capace di trasformare l’immaginario dello scienziato solitario e pazzo che vive nel suo laboratorio segreto ma anche nelle menti bambini e adulti, e trasformarlo in un uomo o una donna normali, che utilizzano il loro sapere scientifico per esplorare il mondo e l’uomo.

Parole chiave: Percezione pubblica della scienza

The representation of scientists by children:
a useful tool for science communication

Abstract: The scientist is a strange character, usually an adult man, bald or unkempt. He usually wears a lab coat and goggles to protect himself from hazardous substances that handles locked in his secret lab. The scientist is often a bizarre chemist working with test tubes, beakers and flasks , but also with magic potions, herbs and pots . The vision of children, identified in this study by means of an observational survey reveals trends and stereotypes which affect science approach by children and, more generally, by society as a whole. The results of this analysis show that despite the numerous proposals for meeting science in our society, little or nothing has changed in the imagination of children. The study also shows a clear need to be taken into account by science communication, but also by people teaching scientific disciplines: the promotion of “humanized and defragmented” science, able of transforming the picture of the lonely and mad scientist who lives in his secret laboratory but also in the minds of children and adults, and turn it into a normal man or woman using their scientific knowledge to explore the world and the human being.
Keywords: Public perception of science


Il Moscardino, Muscardinus avellanarius (L., 1758), quale indicatore del valore ecologico delle fasce boschive lungo il fiume Ticino
(Cantone Ticino, Svizzera)

Tiziano Maddalena (1,2), Marzia Mattei-Roesli (1,2), Damiano Torriani (1,2) e Mirko Zanini (1,2)

  1. Maddalena & associati sagl, CH-6672 Gordevio
  2. Faune Concept, Communauté d’étude de la faune sauvage, CP 49, CH-1890 St-Maurice

Riassunto: Le fasce boschive lungo le rive del fiume Ticino tra Bellinzona e Biasca costituiscono potenzialmente uno dei corridoi faunistici più importanti del Cantone Ticino. Il loro effettivo valore ecologico e la loro funzionalità sono stati valutati utilizzando come indicatore il Moscardino (Muscardinus avellanarius). La presenza di questo gliride è stata rilevata lungo entrambe le sponde del fiume tramite 66 tunnel per le tracce (speciali dispositivi preposti alla raccolta di impronte, ideali soprattutto per piccoli mammiferi, gliridi e mustelidi) posati a distanza regolare di 500 m l’uno dall’altro. I tunnel sono stati attivi per 3 settimane durante il mese di settembre del 2012 e hanno permesso di rilevare la presenza del Moscardino in oltre il 40% dei punti indagati, confermando effettivamente la buona funzionalità e il valore di questo corridoio faunistico. Grazie ai dati raccolti sono però pure state individuate delle zone in cui la connettività ecologica è minore e per le quali sarebbero necessarie misure di valorizzazione ambientale.

Parole chiave: tunnel per le tracce, interconnessione, frammentazione, protezione

The hazel dormouse, Muscardinus avellanarius (L., 1758), as an indicator of the natural value of riparian woodland buffers along the Ticino River
(Canton Ticino, Switzerland)

Abstract: Riparian woodland buffers along the Ticino River between Bellinzona and Biasca are potentially among the most important wildlife corridors of Canton Ticino. Their value and functionality were evaluated using the hazel dormouse (Muscardinus avellanarius) as an indicator. The occurrence of this glirid along both riverbanks was investigated with 66 footprint traps (wooden tunnels that collect footprints and are particularly suited for small mammals, glirids and mustelines), regularly spaced at intervals of 500 m. Traps were deployed for 3 weeks in September 2012. Our results indicate that the hazel dormouse occurs at more than 40% of the investigated points, thus confirming the functionality and value of this wildlife corridor. The collected data also allowed to identify areas of weaker ecological connectivity, where measures of environmental enhancement would be necessary.

Key words: footprint traps, landscape connectivity, fragmentation, conservation


Contributo alla conoscenza dei Rhinchitidae, Attelabidae, Apionidae, Curculionidae, Dryophtoridae (Coleoptera, Curculionoidea)
del Cantone Ticino sud-orientale, Svizzera

Guido Pedroni (1) e Ettore Bariffi (2)

  1. Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità – Emilia Orientale Sede operativa Parco Regionale del Corno alle Scale, Via Casagrande 4, I-40043 Marzabotto (Bologna)
  2. Via Serodine, CH-6900 Lugano

Riassunto: Viene presentato un contributo alla conoscenza del popolamento coleotterologico relativo alle famiglie Rhinchitidae, Attelabidae, Apionidae, Curculionidae e Dryophtoridae del Ticino sud-orientale (Svizzera): Monte Camoghè-Val Vedeggio e zone limitrofe. A tuttora il popolamento ammonta a 112 specie. Alcuni taxa risultano particolarmente significativi per la loro “rarità” e interessanti per l’aspetto ecologico, come Otiorhynchus carmagnolae, Cathormiocerus aristatus, Romualdius angustisetulus, Trachyphloeus laticollis, Tropiphorus terricola, Dichotrachelus imhoffi, Coeliodinus rubicundus e Curculio rubidus mentre Trachyphloeus laticollis è specie segnalata per la prima volta della Svizzera. Viene inoltre proposta un’analisi biogeografica del popolamento dove risulta: 44.65% delle specie ad ampia distribuzione nella regione olartica; 10.70% delle specie ad ampia distribuzione in Europa e Mediterraneo; 42.85% delle specie ad ampia distribuzione in Europa; solo 1.80% per le due specie a corotipo Alpino e Alpino-Appenninico. Si propone, infine, una linea interpretativa sulle dinamiche di migrazionecolonizzazione-ricolonizzazione di Dichotrachelus imhoffi, come pure osservazioni a carattere ecologico per tutte le specie del popolamento, il quale viene ripartito in base a specifici ecosistemi. Risultano 9 le specie raccolte oltre il limite della vegetazione arboreo-arbustiva; di queste, quattro sono quelle presenti anche in miscrosistemi di fessura.

Parole chiave: Ticino, Curculionoidea, popolamento, biogeografia, Dichotrachelus imhoffi, ecologia

A contribution to the knowledge of Rhinchitidae, Attelabidae, Apionidae, Curculionidae, Dryophtoridae (Coleoptera, Curculionoidea) in the South-East part of the Canton Ticino, Switzerland.

Abstract: This is a contribution to the knowledge of the coleopterological peopling concerning the Rhinchitidae, Attelabidae, Apionidae, Curculionidae and Dryophtoridae families in the south eastern part of the Cantone Ticino (Switzerland): Monte Camoghé-Val Vedeggio and surrounding areas. In total 112 species were recorded. Some taxa, such as Otiorhynchus carmagnolae, Cathormiocerus aristatus, Romualdius angustisetulus, Trachyphloeus laticollis, Tropiphorus terricola, Dichotrachelus imhoffi, Coeliodinus rubicundus and Curculio rubidus, appear to be particularly significant on account of their “rarity” and interesting from an ecological point of view. It is the first time that the species Trachyphloeus laticollis has being reported for Switzerland. The proposed biogeographical analysis of the species found shows that 44.65% of the species are widely distributed in the olartic region, 10.7% of the species are widely distributed in Europe and the Mediterranean region, 42.85% of the species are widely distributed in Europe, while the two species with alpine or Alpine-Apennines chorotype account only for 1.8% of all species. An interpretative line on the distributional patterns of the Dichotrachelus imhoffi is proposed. Observations from an ecological perspective are pointed out for all species of the peopling, which have been divided on the basis of specific ecosystems. Nine species appear to have been collected beyond the shrub line, while four of them occur also in fissure microsystems.

Key words: Ticino, Curculionoidea, population, biogeography, Dichotrachelus imhoffi, ecology

Logo STSN