Permafrost, ghiacciai rocciosi e cambiamenti climatici nel Parc Adula

ghiaccio_nascosto

Percorso: Cusiè – Alpe di Sceru – Valle di Sceru – ghiacciaio roccioso di Piancabella

Guida: Dr. Cristian Scapozza, geomorfologo, Istituto scienze della Terra, SUPSI

Ritrovo: 8:00 Malvaglia, parcheggio Filovia

Equipaggiamento: Abbigliamento adatto alla montagna, scarponcini, pic‐nic

Iscrizione: Cristian Scapozza, IST‐SUPSI, Campus Trevano, 6952 Canobbio; 058 666 63 76 / 079 535 94 22, email

Costi: CHF 20.‐ per persona, bambini fino a 12 anni gratis, fino a 16 anni metà prezzo.

L’escursione ha luogo in Valle Malvaglia. Si parte a piedi da Cusiè (1707 m slm) e si sale in direzione dell’Alpe di Sceru (2005 m slm), per poi inoltrarsi nella Valle di Sceru fino al ghiacciaio roccioso di Piancabella (ca. 2500 m slm). Il dislivello è di circa 700 m, il che corrisponde a circa 2 ore di marcia. L’itinerario non presenta nessuna difficoltà particolare, ed è adatto a un escursionista di medio livello. Per tutta l’escursione sono previste circa 5–6 ore in totale.

Breve resoconto

Un viaggio nel tempo negli ultimi 15’000 anni della storia delle nostre Alpi. Questo è quello che è stato compiuto dai numerosi partecipanti all’escursione “Alla scoperta del ghiaccio nascosto”. Malgrado il tempo coperto, grazie all’introduzione alla lettura delle principali forme che testimoniano dei paleoclimi delle nostre montagne – i ghiacciai rocciosi e i ghiacciai – è infatti stato possibile compiere tale viaggio nel tempo nella suggestiva Valle di Sceru, il luogo-simbolo degli studi sul permafrost e i cambiamenti climatici passati nelle Alpi ticinesi.

Foto: Marisa Mengotti.